Tematiche
Archeologia misteriosa
Fenomeni paranormali
Luoghi e oggetti misteriosi
Enigmi
U.F.O. e Alieni
IeM Group
Il gruppo di ricerca
L'attrezzatura
Esecuzione delle indagini
Le relazioni delle indagini
Segnala il tuo caso
News
News dal mondo
News dal sito
Mailing list
Social & Contact
On twitter
On facebook
Contattaci
Segnalazioni
Torna alla Home
Notte al castello di Trezzo
Mercoledì, 14 aprile 2011 - Castello Visconteo di Trezzo sull'Adda

IeM Group Lungo la riva del fiume Adda, e a poca distanza dal centro della cittadina Milanese Trezzo sull'Adda, sorge il Castello Visconteo dove IeM Group è stato ospitato cortesemente per un'analisi dei presunti fenomeni paranormali legati alla rocca. Leggende, miti e testimonianze, narrano di donne e di uomini che ancora dopo la morte, ospitano il castello con le loro presenze.

Il castello venne eretto nel 1370 in una posizione strategica sopra un presidio esistente già all'epoca di Federico Barbarossa, per la difesa di un ponte, su di una linea di confine storica, e fù commissionato da Bernabò Visconti, ricordato come uno dei più cruenti uomini della storia mediovale italiana. Le torture eseguite e commissionate nelle segrete erano le più cruente e malvagie, il pozzo all'interno del castello non era utilizzato nel solito modo per attingere all'acqua, bensì veniva utilizzato per eliminare chiunque desse fastidio, o non rispettasse le idee e le leggi di Bernabò.

IeM Group è sceso nei sotteranei per esaminare più a fondo possibile se le leggende possano avere almeno una base di verità, se all'interno del castello veramente possiamo avere degli incontri insoliti.

Montate le attrezzature, tra cui una fotocamere ad infrarossi puntata verso la zona "focale" dei sotteranei, cioè il pozzo, si iniziò a scattare foto ed a seguire ed ascoltare la nostra sensitiva che già raccontava di presenze e sentiva una forte energia proveniente dal pozzo. Iniziò col raccontare di Angelina, una ragazza vittima di Bernabò e della sua crudeltà, accovacciata alla sinistra del pozzo. Angelina piange, è triste, e in quel momento arriva un'altra donna, capelli lunghi e vestita di lino. Alle nostre domande ci rispondono "grazie", perchè sono contente nel poter parlare con qualcuno. Ci raccontano che tornano spesso al pozzo, perchè sono attirare in un qualche modo e devono ancora superare il dolore. Chiamano entrambe Bernabò "il Maledetto", e nel mentre si sente la presenza di un "Cavaliere", non ha nome, non vuole parlare, non vuole comunicare, ma osserva. Le segrete sembrano animarsi, arriva un personaggio all'apparenza matto, isterico. Urla. Si trova nella stanza accanto al pozzo, ed insieme a lui altri due "disturbatori". Dopo qualche minuto si sentono delle grida, provenienti dal pozzo, sono dieci, undici, dodici spiriti, che chiedono giustizia, ed alla domanda "La vita nell'Adlilà non è migliore?" non rispondono, e piano piano se ne vanno, lasciando di nuovo le fredde segrete buie e vuote.

La domanda che possiamo porci è quanto possa essere veritiera e quanto pesata questa "storia". Si può rispondere a ciò soltanto se si hanno dei riscontri dati dagli strumenti posizionati e utilizzati durante la notte.

Dall'analisi fotografica, due sono le foto anomale:

Trezzo
Foto 1. Nelle segrete, stanza adiacente al pozzo.
Trezzo
Foto 2. Cortile sopra le segrete, a pochi metri dal pozzo.

Nella foto 1, quel che turba è la presenza di quella "macchia bianca" in basso a destra, che sembra quasi essere ripresa in movimento. La macchia non sembra altro che un orb, ma la particolarità è che la chiusura dell'otturatore era impostata a 1/60 di sec, cioè un valore molto basso per aver preso del semplice pulviscolo in movimento ed averlo catturato sfuocato. Nella foto 2, invece troviamo una sagoma che potrebbe essere paragonata ad un viso, in cui si scorge molto bene il naso, i lineamenti degli occhi e il contorno, ma tutto il resto rimane molto confuso. Due foto dunque, che purtroppo non possono essere prese in considerazione ancora, perchè "fragili", paragonabili a pareidolie e non ben definite, solo anomale.

Invece, dal microfono che rimase acceso durante la ricerca si è potuto avere più di un grosso e significativo riscontro. Quattro sono state infatti le registrazioni di voci che possiamo etichettare come insolite e di probabile natura paranormale.

1. Voice01.wav: Una timida "ah" pronunciata.
2. Voice02.wav: Si sente sussurrare la parola "luce".
3. Voice03.wav: Voce femminile, su cui ancora non si è riuscito a fare chiarezza.
4. Voice04.wav, Voice04reverse.wav : Voce maschile, che pronuncia una frase al momento inconprensibile, ma se ascoltata al contrario(Voice04reverse.wav) si sente chiaramente la domanda "Mi si riesce a sentire?".

Durante la registrazione della voce n. 4, è da annotare la correlazione di più avvenimenti. In quel momento si sente anche una nostra collaboratrice che esclama 13, e questo numero numero era la lettura dei gradi rappresentata dal termometro, posizionato vicino al pozzo, che da 13.4 iniziò a diminuire fino a raggingere la temperatura di 11.3 gradi in poco più di un minuto, diminuzione avvertita anche fisicamente da tutti i partecipanti. Inoltre è nello stesso momento in cui la sensitiva disse di vedere dodici spiriti, intorno al pozzo, tentando di avere un contatto. Sono tutte coincidenze?

IeM Gruop ringrazia il custode del castello, e il comune di Trezzo sull'Adda, per averci ospitato ed averci dato la possibilità di indagare personalmente in un posto ricco di mistero, in cui non abbiam potuto far altro che confermare ed aggiungere nuove e reali testimonianze che possano solo far riflettere.
Un particolare ringraziamento anche a tutti i collaboratori che hanno deciso di seguire il gruppo di ricerca per questa notte all'insegna del mistero.
Condividi la pagina:

Condividi su Facebook